Creare un e-commerce di successo: 5 idee

È la moda del momento, il negozio online, meglio noto come e-commerce. Ma come fare per creare un e-commerce di successo? Quali sono i punti fermi da tenere bene a mente per gettarsi a capofitto in quest’avventura? Innanzitutto bisogna cominciare a capire a chi affidarsi. E quindi scegliere un’agenzia specializzata nello sviluppo di soluzioni professionali adatte alle esigenze dei clienti; e che abbia anche una importante esperienza nella realizzazione di siti e-commerce, soprattutto se parliamo di piattaforme native. Ma qui si andrebbe già a parlare di quello che viene dopo il disegno dell’idea. Ecco dunque 5 idee da cui partire per realizzare il proprio e-commerce di successo.

E-commerce su piattaforma nativa: è meglio?

Puntare su una piattaforma nativa per creare un e-commerce di successo può essere meglio? Sì, certamente. È possibile affidarsi anche a piattaforme che mettono a disposizione strumenti adatti per l’e-commerce. E il primo pensiero che viene in mente è quello di WooCommerce per WordPress; ma anche lavorare su piattaforme native come Prestashop e Magento può essere un’idea. Soprattutto per ottimizzare al meglio la propria idea di e-commerce e personalizzare approfonditamente il negozio online con quello che abbiamo in mente. Sotto quest’aspetto la piattaforma nativa per e-commerce può quindi rappresentare la soluzione migliore. Stiamo parlando di piattaforme ideali per il B2B o il B2C, personalizzabili in base al modello di business che si vuole attuare. In poche parole, la piattaforma nativa può essere meglio rispetto a una piattaforma standard, o estensione di un CMS, perché altamente personalizzabile in base al modello di vendita online dell’azienda e al target di riferimento.

Una piattaforma nativa per e-commerce significa per forza di cose investire un po’ di più rispetto a una piattaforma standard. Ma sarà un investimento che tornerà indietro se si lavora bene. Perché è già tutto pronto all’uso, secondo l’interfaccia che il cliente vuole, la grafica accattivante e un bagaglio di funzionalità appositamente realizzate per facilitare l’esperienza di consumo dei clienti. In più, si potrà lavorare maggiormente sull’aspetto della sicurezza.

User Experience per un e-commerce: ecco il vero trampolino di lancio

Il vero trampolino di lancio di un e-commerce non risiede nell’idea – che comunque ha il suo elevato potenziale. E neppure nel buon lavoro del “negoziante”. No, la vera chiave per creare un e-commerce di successo consiste nella User Experience. Ovvero, letteralmente nella esperienza utente. Vi sarà sicuramente capitato di recarvi su un negozio online e non capirci assolutamente nulla. Tanto da abbandonarlo dopo pochi minuti (o secondi). La stessa cosa potrebbe capitare su un semplice blog d’informazione. Quando si parla di User Experience si parla di mettere tutte le cose al posto giusto. Laddove per “posto giusto” s’intende il luogo migliore dove l’utente può agire con il sito stesso.

Le varie sezioni di cui dispone il sito, la gallery fotografica, le schede prodotto, le recensioni degli utenti, il carrello e la procedura per l’acquisto online. Tutto deve essere disposto su un’interfaccia chiara, pulita e intuitiva, in modo tale da ancorare l’utente al sito e convincerlo a trasformarsi in cliente. È infatti proprio la User Experience che è regina di questo processo di trasformazione e contribuisce anche a generare la forma pubblicitaria più vecchia del mondo: il passaparola. Un sito e-commerce facile e sicuro da usare spingerà gli utenti a tornare proprio come torniamo volentieri in un negozio dove siamo stati bene la prima volta.

Come creare un e-commerce di successo

Siti e-commerce: 5 idee da cui partire

Per conoscere meglio il mondo degli e-commerce, meglio cominciare a studiare la concorrenza. E dare un’occhiata a quello che c’è in giro. Mettetevi quindi nei panni del puro e semplice cliente che si fa un giro tra i negozi online, convinto a fare un acquisto. Guardate punti di forza e punti di debolezza. La scheda prodotto è abbastanza esplicativa? Il prezzo è chiaro dall’inizio alla fine? L’area utente è sicura e facile da gestire?

  • Zalando: un classico e-commerce di moda, un negozio trasferito nel mondo virtuale, con i suoi reparti da analizzare senza salire o scendere scale mobili come si fa nei centri commerciali. Un must nel settore e-commerce.
  • I-Clip: non tutti gli e-commerce devono per forza essere come Amazon o eBay. Prendete quest’esempio. Sembra un semplice sito descrittivo, la home-page di un brand specializzato nella realizzazione di piccoli portafogli tascabili, ma in realtà è un e-commerce a tutti gli effetti. Dove si spiega da cima a fondo l’idea. E dove lo spazio riservato agli acquisti mette nero su bianco tutte le informazioni che l’utente/cliente deve sapere.
  • Shopty: ecco un altro e-commerce affatto banale, specializzato nella vendita di macchine da cucine e accessori per il taglia e cuci. Osservate come l’estetica si rifà a un gusto tipicamente femminile, ovvero il principale target di riferimento. E come le informazioni e lo spazio vendita si assemblino in modo armonico. Non dimenticate poi di dare un’occhiata alla intelligente call to action in basso a destra.
  • Douglas: può piacere o non piacere, ma anche questo sito dedicato alla vendita dei prodotti di bellezza per uomo e donna può risultare significativo da studiare per creare un e-commerce di successo. Anche qui l’estetica è una componente da valutare (la scelta dei colori e delle disposizioni grafiche).
  • Vino75: non potevamo non elencare un e-commerce alimentare. Questo sito, a nostro avviso, dimostra certe lacune dal punto di vista della user experience, ma è interessante notare come funziona lo schema degli abbinamenti, nonché la disposizione del banner relativo alla scontistica che certamente invoglia a cliccare sopra.
  • (Daniele Sforza)
  • Pin It on Pinterest